Marco Monaco – Osteopata e Fisioterapista a Torino

Guido Rolle, MD, DO (Italy); Lucio Tremolizzo, MD, PhD; Francesco Somalvico, MS; Carlo Ferrarese, MD, PhD; and Livio C. Bressan, MD

Contesto:
Lo studio si prefigge di valutare se la terapia manipolativa osteopatica (OMTh; cura manipolativa fornita da osteopati formatisi in paesi diversi dagli Stati Uniti) possa essere utilizzata per la gestione del dolore e della disabilità correlata nella cefalea, ma c’è bisogno di studi clinici randomizzati controllati di elevata qualità per valutare l’efficacia di questo intervento.

Obiettivo:
Esplorare l’efficacia del trattamento manipolativo osteopatico nella gestione del dolore nella cefalea tensiva episodica frequente (TTH). Progetto: Studio pilota in singolo-cieco randomizzato placebo-controllato. Scenario: I pazienti sono stati reclutati da cinque differenti strutture sanitarie di accesso primario (ambulatori di medicina generale).

Pazienti:
Sono stati reclutati 44 pazienti colpiti da cefalea frequente (TTH) episodica, i pazienti non sono in terapia farmacologica per la gestione profilattica di TTH episodica. Fase di sperimentazione: I pazienti sono stati assegnati in maniera randomizzata al gruppo sperimentale o al gruppo di controllo. Il gruppo sperimentale ha ricevuto tecniche correttive OMTh selezionate per ogni paziente; il gruppo di controllo ha ricevuto solamente una valutazione dell’impulso ritmico cranico (terapia simulata). Lo studio si è svolto in un periodo di 1 mese basale, un periodo di 1 mese di trattamento e un periodo di follow-up di 3 mesi. Misure principali di risultato: L’outcome primario, segnalato dal paziente, era il cambiamento nella frequenza di cefalea e gli esiti secondari includevano cambiamenti nell’intensità del dolore di cefalea tensiva (punteggio relativo, 1 [minimo dolore percepito] a 5 [peggior dolore percepito]), utilizzo di farmaci sintomatici al bisogno e punteggio al questionario HDI sulla disabilità cefalea-correlata.

Risultati:
Quaranta pazienti hanno completato lo studio (OMTh, n = 21; controllo, n = 19). Il gruppo OMTh aveva una significativa riduzione nella frequenza di cefalea nel tempo che persisteva ad 1 mese (riduzione approssimativa, 40%; P < 001) ed a 3 mesi (riduzione approssimativa, 50%; P < 001) dopo la fine del trattamento. Inoltre, c’era una differenza assoluta tra i due gruppi di trattamento alla fine dello studio, con una frequenza più bassa del 33% di cefalea nel gruppo OMTh (P < 001). CONCLUSIONE: Questo studio preliminare ha dimostrato l’efficacia della OMTh nella gestione di TTH episodica frequente, confrontato con la terapia simulata in un gruppo di controllo. La terapia manipolativa osteopatica può essere preferita ad altre modalità di trattamento e ne possono beneficiare i pazienti che hanno effetti avversi ai farmaci o che hanno difficoltà a rispettare i regimi farmacologici. Questo protocollo può servire come modello per gli studi futuri.

The Journal of the American Osteopathic Association September 2014 | Vol 114 | No.9

Scarica pdf